Diabete: nel 2030 più morti dei malati di Aids - Eventi e News - Aiad Ragusa - Associazione Italiana per l' Assistenza ai Diabetici a Ragusa

Vai ai contenuti

Menu principale:

Diabete: nel 2030 più morti dei malati di Aids

Pubblicato da in News ·


Diabete: nel 2030 più morti dei malati di Aids
La OMS lancia l’allarme prevenzione

Mercoledì 20 novembre,  al Senato, in occasione   dell’edizione 2013 dell’Italian Barometer Diabetes Report, un documento   redatto annualmente da Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO)   Foundation con l’ obiettivo di fornire il piu’ aggiornato ‘stato dell’arte’ del diabete in Italia, sono stati presentati dati da cui emerge    che la percentuale di malati di diabete in Italia è passata, nell’arco   di 10 anni, dal 3,7% al 5,5%.  
Una nuova diagnosi di diabete ogni minuto, ogni 3 minuti e mezzo un  
diabetico ha un attacco cardiaco e ogni 10 minuti un diabetico muore.  
Agostino Consoli, Professore di Endocrinologia presso l’Università  G. D’Annunzio di Chieti, curatore del report, ha spiegato che il
Rapporto 2013 raccoglie i contributi di oltre 50 tra i maggiori esperti  
nazionali di diverse discipline e rappresenta una selezionata antologia  
di ricerche e riflessioni di colleghi che rappresentano le massime  
autorità scientifiche nel campo e che il diabete può essere  
considerato il modello paradigmatico delle malattie croniche non  
trasmissibili e di esse è probabilmente la più diffusa ed una delle  
più pericolose, essendo gravata da una serie di complicanze gravissime.  

Altro dato preoccupante emerso è quello secondo il quale, entro il 2030, il diabete rappresenterà in   Europa la 4° causa di morte, raggiungendo quindi il triste primato di  
contribuire alla mortalità della popolazione più di quanto non  
facciano collettivamente AIDS, malaria e tubercolosi, considerate ‘la  
peste dei nostri tempi’. Nel documento si sottolinea come il diabete  
sia decisamente una patologia ‘sociale’, dal momento che, per la sua  
elevatissima diffusione, coinvolge di fatto gran parte della  
popolazione. Una malattia con tale prevalenza non può non incidere fortemente anche sulla spesa: in media ogni malato spende 2.600 euro l’
anno per la sua salute, più del doppio rispetto ai cittadini senza  
diabete, incidendo per lo 0,29% sul Pil.
" Questi dati, a conclusione della Giornata Mondiale del Diabete – ha dichiarato la Presidente dell’Aiad di Ragusa Gianna Miceli -  ci fanno restare attoniti perché abbiamo sempre la speranza che il diabete vada a diminuire la sua diffusione, ma, proprio perché avviene il contrario, siamo sempre più convinti che l’impegno nell’informazione e nella prevenzione sia assolutamente indispensabile. Per tale ragione ogni giorno ci impegniamo e ci aggiorniamo affinchè si possa sempre più diffondere una diversa cultura in merito agli stili di vita perché, almeno nel caso del diabete di tipo 2 che è quello in maggiore aumento, avere un corretto stile di vita è assolutamente imprescindibile.


Bookmark and Share

Associazione Italiana per l'Assistenza ai Diabetici
Via G. B. Odierna 86 - 97100 Ragusa
Tel 0932 652493 E-mail aiadragusa@alice.it Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu